Cosa mangiare in Giappone: delizie del Paese del Sol Levante

Noi italiani siamo un popolo fortunato, la nostra cucina è famosa nel mondo ed ogni regione ha delle specialità uniche, la piadina in Romagna, la pizza a Napoli, i tortellini a Bologna…Anche il Giappone però sa stupire con specialità locali dal gusto orientale e ricercato, ecco una piccola lista per i buongustai!

Sushi e sashimi in Giappone: partiamo dai piatti dell’immaginario collettivo!

Il sushi è, nell’immaginario collettivo, il primo piatto quando si parla di cucina giapponese.
Per chi non conoscesse minimamente com’è fatto, il sushi è composto da una polpettina di riso sulla quale viene stesa una fettina di pesce, dei frutti di mare o altri ingredienti.

Il sashimi è una vera e propria arte, il pesce (freschissimo) viene lavorato sapientemente da maestri che creano piatti gustosi unendo pesce, salsa di soia e la rapa daikon. Fra i sashimi più pregiati possiamo nominare quello a base di tonno “otoro”, preparato con la parte più grassa del tonno.

Onigiri: i manga insegnano!

Tutti gli appassionati di manga e del Giappone conoscono questi spuntini a base di riso, alga e vari tipi di condimento interno.
L’onigiri sake ha al suo interno dei pezzi di salmone e solitamente un costo molto contenuto (nell’ordine di 150-200 Yen).

Curry

Il curry è un piatto molto apprezzato dai giapponesi, sarà facile trovare decine di ristoranti specializzati che offrono ai fidati clienti preparazioni secondo ricette vecchie decine di anni. In alcuni ristoranti la marinatura viene fatta per diversi giorni ed il sapore del curry diventa unico ed estremamente gustoso!

Kobe beef: il manzo degli dei!

Premessa obbligatoria, la carne di Kobe è costosa, molto costosa.
Dopo la dovuta introduzione, sarebbe una cattiveria non dire la verità su questa carne: è squisita, saporita, una vera e propria apoteosi per le vostre papille gustative! Il costo elevato deriva dalla scarsità della materia prima e dalle caratteristiche molto restrittive a cui devono corrispondere gli animali per vantarsi del nome “carne di Kobe”. Un esempio? la bestia deve esser nata e cresciuta nella prefettura di Hyogo, può esser macellata solo in 5 mattatoi specializzati! La carne di Kobe può essere assaporata in differenti modi, dalla bistecca agli spiedini, regalando sempre un gusto squisito che ricorderete per molto tempo.

Cosa mangiare a Tokyo la carne di Kobe

 

Shabu shabu: il piatto più conviviale che conosco

Il piatto viene preparato direttamente dai commensali, il ristoratore fornisce un fornellino dove il brodo è messo a bollire, nel quale vengono cotte fettine di carne sottilissime. La particolarità sta nel fatto che i partecipanti alla cena, a turno si cuociono la propria fettina di carne, creando un’atmosfera molto gioiosa ed unita.

Tonkatsu

Un piatto decisamente onnipresente nei menù giapponesi è il “tonkatsu”, una gustosa cotoletta di maiale fritta ad alta temperatura!
il piatto viene generalmente servito abbinato con del riso, una piccola zuppa calda di miso e delle verdure.

Yakitori

Gli yakitori sono spiedini di qualsivoglia specie animale, generalmente sono di pollo e, mi raccomando, cercate di capire bene quale parte di pollo è finita sul vostro spiedino, potrebbe essere del petto, la coscia, il fegato o… la coda!

In Giappone mangiare bene e spendere poco è molto più facile di quanto lo sia in Italia, la cucina giapponese è solitamente molto salutare e ben digeribile anche per noi europei. Il miglior consiglio per chi sta pensando di andare in viaggio in Giappone è di non preoccuparsi, il cibo è vario e sarà sempre possibile pranzare o cenare in un ristorante italiano, rimarrete stupiti da quanto sia buono!