Moretta Fanese: la ricetta sul caffè dei veri marinai

Fano, è un comune della regione Marche, situato in provincia di Pesaro e Urbino. Ha circa 60.000 abitanti che aumentano nel periodo estivo grazie al turismo balneare. Fano infatti è confinante con il Mare Adriatico e può vantare da anni la bandiera blu, sintomo di spiagge attrezzate a livello di struttura ed un mare pulito. È possibile gustare una vera Moretta fanese presso i migliori bar lungomare di Fano come lo Splash sul lungomare Sassonia di Fano (info: www.splashfano.it).

Cos'è la Moretta di Fano

La Moretta fanese è un caffè corretto, originario appunto della città di Fano. Nel corso degli ultimi anni, la Moretta si è diffusa anche nelle zone limitrofe ed in alcuni casi anche a livello nazionale ed internazionale. La Moretta ha un sapore forte e dolce, solitamente sostituisce a fine pasto il caffè ed il digestivo o in alternativa viene bevuto come energetico pomeridiano. La Moretta fanese o Moretta di Fano differisce dal solito caffè corretto in quanto è per prima cosa zuccherato ed in secondo luogo la correzione viene preparata anticipatamente secondo un'apposita ricetta.

 

Gli alcolici che compongono la Moretta
sono: anice, rum e cognac

Moretta Fanese Doc

 

Com'è composta la correzione della Moretta?

La correzione della Moretta di Fano, è un composto di vari alcolici. Il composto viene preparato prima in modo tale da essere pronto ad essere miscelato poi con zucchero e caffè. Gli alcolici che compongono la correzione del caffè sono: anice, rum e cognac. Esistono ovviamente più correnti di pensiero, ma questa è la ricetta standard ed originaria.

 

Come si prepara la Moretta fanese?

La preparazione della Moretta è la fase più importante e sopratutto più originale. Il risultato della Moretta è quello di avere visibili ad occhio nudo tre strati differenti, composti da:

moretta di fano
  1. Nello strato inferiore la composizione di alcool, scaldata e miscelata allo zucchero. Questa parte rimane separata in quanto più densa rispetto al caffè.
  2. Nello strato centrale abbiamo un leggero strato di composizione alcolica che si unirà ad una piccola parte di caffè.
  3. Nello strato superiore avremo esclusivamente il caffè.

 

Veniamo alla preparazione della Moretta:

In primo luogo occorre aver preparato la miscela di alcool come spiegato precedentemente. Ora utilizzando l'erogatore di vapore della macchina del caffè da bar, si scalda la miscela alcolica direttamente nel bicchierino in vetro da caffè (attenzione a non scottarsi). Prima di scaldare il composto alcolico occorre aggiungere circa due cucchiaini di zucchero (rigorosamente non di canna). Scaldare la miscela fino a che lo zucchero sarà completamente sciolto. Aggiungere una piccola scorza di limone all'interno del bicchiere.

 

L'aggiunta del caffè al composto alcolico

Questa fase è importante e delicata. La riuscita della Moretta fanese dipenderà sia dalla corretta miscela dell'alcool allo zucchero e sia dal dosaggio del caffè. Con la macchinetta del caffè da bar, prepariamo un espresso bollente che viene versato direttamente nel bicchierino in vetro utilizzato precedentemente. È importante tenere il bicchierino in diagonale in modo da non far cadere le gocce di caffè violentemente nel composto alcolico. Ora vedremo la composizione dei primi due strati. Non appena abbiamo visto che il secondo strato (composto da alcool zuccherato e caffè) è pronto, possiamo raddrizzare il bicchiere in vetro e terminare il dosaggio di caffè. Il risultato dovrà essere il seguente:  La tipica moretta fanese dove si notano i tre differenti strati divisi da alcool e caffè.

 

Quali errori non commettere nella preparazione della Moretta

Alcuni punti fondamentali della preparazione vanno seguiti alla lettera per evitare di non riuscire a completare correttamente una Moretta fanese. Non aver paura di scaldare troppo l'alcool, lo zucchero deve essere ben sciolto nella composizione alcolica. Dosare il caffè con attenzione all'interno del bicchierino, tenendolo inclinato, altrimenti le gocce di caffè finiranno in fondo mischiandosi all'alcool. Non chiedere al bar una Moretta decaffeinata perchè potreste incorrere in un barista che ci tiene alla tradizione e potrebbe rifiutare l'ordine (ovviamente è una battuta). Non utilizzare il caffè proveniente dalla moka di casa. Potete preparare anche a casa una buona Moretta alla fanese, certo che berlo al bar, seduti su una panchina sul lungomare di Fano, non ha prezzo!